Tramaglio

Se la Boschi non smentisce quel di lei si dice ( che sia stata l’autrice della mozione contro il governatore di Banchitalia), cio’  e’ vero. Se la Boschi lo  smentisce, e’ ugualmente  vero.
Vero comunque insomma, pure in casi opposti.
L’Illogismo ricorda  la  regola probatoria dei processi alla  stregoneria, ove sarebbe stata strega chi, immersa nell’acqua, fosse affondata, , ma anche chi  galleggiasse, “perche’ assistita dal demonio” (ovviamente, non e’ che la regola non avvertisse l’illogismo, ma lo spianava con  logica incondizionatamente condannatoria, insensibile a qualunque limite, intrinseco od estrinseco).
E ricorda anche, l’illogism‎o, la logica  della colpevolezza universale di origine e propaganda  davighiane, per la quale gli innocenti  non sarebbero   altro che  colpevoli da scoprire.
Logica che non ha limite nella funzione del suo autore e del diritto che dovrebbe applicare: per la distinzione di innocenti e colpevoli. Ma non ha limite nemmeno nel coinvolgimento del suo autore, giudice innocente e colpevole non ancora scoperto (si fa per dire.), ovviamente.
 Ma, cio’ ricordato, il punto:
chi mai avra’ siffattamente dissertato sulla Boschi (benche’ reproba)?
Ma il direttore del quotidiano dei condannatori  d’Italia, istituzionale e non…
ma Travaglio‎…
La cui penofilia,  d’altronde, e’ in effetti  pseudologia.
P.Diaz
Questa voce è stata pubblicata in frammenti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *