12.07.17

“giarrusso”…

L’ “avvocatoonorevolegiarrusso”, dei “cinquestelle” (tuttora a rotazioni consonantiche e vocaliche della piu’ tradizionale parlata sicula), impasta:
“Dell’Utri sta male? Doveva pensarci prima…”.
Ma “prima”, Dell’Utri cittadino europeo, mai avrebbe potuto, ne’ dovuto, pensare che quel che lecitamente facesse sarebbe divenuto illecito per legge penale successiva e retroattiva.
E  non erro’ a non pensarlo, perchè mai quella legge sopravvenne.
Ed ancor meno avrebbe potuto ne’ dovuto pensare che, quel che facesse, sarebbe divenuto punibile per disposizioni della magistratura del Paese. Giacché in nessun Paese europeo la magistratura avrebbe potuto, fuori e contro la legge, sentenziarlo (per giunta retroattivamente, fuori e contro la norma del tempo del fatto): senza che il popolo, insorgendo direttamente o per altre sue istituzioni, le intimasse di desistere e si adoperasse a fermarla.
Benché stavolta abbia errato a non pensarlo.
A non pensare che un organo dell’ordinamento giuridico penale statale sarebbe potuto divenire più trasgressivo dell’organo del subordinamento subgiuridico subpenale “mafioso….” (ove, come in ogni altro subordinamento simile, vale effettivamente il principio di “legalita” e quello di “irretroattività” della punizione).
Come ha  errato a non pensare che un avvocato e parlamentare del “movimento politico” di portata “pentastellare”, (sedicente) protettore dei pretèriti e rifondatore della giustizia, potesse non solo non cogliere quel multiforme e gigantesco eccesso, della magistratura, dal potere istituzionale, ma nemmeno avvertirlo o sospettarlo o (anche solo) congetturarlo.
A non pensare, cioè, che uno nella sua posizione professionale e politica, potesse  condividerlo ed esaltarlo.

ferro ignique…”

Qualcuno sa dire se fra i roghi che divorano la Sicilia ed il ferro che ne imprigiona le popolazioni “per mafia” vi sia qualche rapporto?

Questa voce è stata pubblicata in frammenti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *